1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  4. Versione accessibile Linee orari
 
 

Azienda

 

Contenuto della pagina
 

ATV srl dal 2018 rientra tra i soggetti di cui all'art. 2-bis co. 3 del D.lgs 33/2013 e, pertanto, esclusa dall'ambito di applicazione delle misure di prevenzione della corruzione, diverse dalla trasparenza.
Non è stato, quindi, redatto il "Documento contenente le misure integrative di prevenzione della corruzione (triennio 2019- 2021)".


MISURE INTEGRATIVE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, CO. 2 BIS LEGGE 190/2012)

 

RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E TRASPARENZA DI ATV srl ex ART. 1 CO. 7 L. 190/2012

In considerazione del fatto che ATV srl dal 2018 rientra tra i soggetti di cui all'art. 2-bis co. 3 del D.lgs 33/2013 ed è, pertanto, esclusa dall'ambito di applicazione delle misure di prevenzione della corruzione, diverse dalla trasparenza, in coerenza anche con le Linee Guida ANAC n. 1134 del 2017, Il Consiglio di Amministrazione di ATV srl - nella seduta del 01/02/2019 - ha stabilito di non  mantenere la figura interna di RPCT ma solo quella del Responsabile della pubblicazione dei dati, ossia il Direttore Generale coadiuvato dal Responsabile dell'Ufficio Legale interno.

(Il RPCT - Responsabile  della prevenzione della corruzione e trasparenza, nominato dal CDA di ATV ai sensi dell'art. 1 co. 7 della L. 190/2012 (come modificato dal D.lgs 97/2016) a far data dal 23/12/2016  e fino al 01/02/2019 è stato  l'avv. Rossana Bonetti dell'Ufficio Legale Affari Generali di ATV.)
(Il Responsabile della prevenzione della Corruzione ex L. 190/2012, nominato in data 25/03/2016 e fino al 22/12/2016, è stato la dott.ssa Anna Siena - Dirigente settore Amministrazione e Finanza.)

 
 

RELAZIONI DEL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL'ILLEGALITA'
RELAZIONI ANNUALI

 
 

SEGNALAZIONI DI CONDOTTE ILLECITE

Normativa di riferimento
La Legge 190/2012 - "Legge anticorruzione" - prevede una serie di misure preventive e repressive contro la corruzione e l'illegalità in
generale nella pubblica amministrazione e negli Enti di diritto privato in controllo pubblico quale ATV srl.
L'obiettivo principale è la prevenzione, attraverso politiche di trasparenza e procedure di controllo interno.
Il legislatore e l'ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione, inoltre, hanno ritenuto necessario e imprescindibile il contributo del dipendente
e del cittadino nella lotta a tale fenomeno attraverso lo strumento della "segnalazione" che è oggetto di tutela particolare.

CONDOTTE ILLECITE DA SEGNALARE
Le condotte illecite, la cui segnalazione è oggetto di particolare tutela, comprendono non solo l'intera gamma dei delitti contro la pubblica
amministrazione (Libro II, Titolo II del codice penale) quali ad esempio, la corruzione nell'esercizio della funzione, corruzione per atto
contrario ai doveri d'ufficio e corruzione in atti giudiziari, ma anche le situazioni in cui si riscontri l'abuso da parte di un soggetto del
potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati, nonché i fatti in cui venga in evidenza un mal funzionamento dell'amministrazione
a causa dell'uso a fini privati delle funzioni attribuite. Si pensi, ad esempio, ai casi di sprechi, nepotismo, demansionamenti, ripetuto
mancato rispetto dei tempi procedimentali, assunzioni non trasparenti, irregolarità contabili, false dichiarazioni, violazione delle norme
ambientali e di sicurezza sul lavoro (Vedasi Determina ANAC n. 6/2015).

MODALITA' DI SEGNALAZIONE E TUTELE CONSEGUENTI
Le segnalazioni potranno pervenire sia da dipendenti di ATV srl che da soggetti esterni.
Le segnalazioni potranno essere effettuate on line utilizzando il form sotto riportato (da compilare e inviare), oppure direttamente con una e-mail indirizzata alla casella di posta elettronica dedicata (anticorruzione@atv.verona.it), oppure scaricando l'apposito modulo e inviandolo
via posta all'indirizzo: Direttore Generale - L.ge Galtarossa, 5 - 37133 Verona,).
E' possibile allegare ogni documento ritenuto utile ai fini della segnalazione.
Le segnalazioni, complete delle generalità del mittente, perverranno esclusivamente all'attenzione del Direttore Generale che insieme al Responsabile ufficio Legale ne garantirà l'anonimato, la riservatezza e la protezione contro eventuali forme di ritorsione che si possano verificare anche in ambito lavorativo (art. 1 comma 51 L.190/2012).
E' assolutamente importante che le segnalazioni siano il più dettagliate possibile e offrano il maggior numero di elementi al fine di consentire ad ATV srl di effettuare le dovute verifiche, mentre è sufficiente che il segnalante ritenga probabile che si sia verificato un
fatto illecito nel senso sopra indicato.
I dati forniti saranno trattati secondo le modalità indicate nell'informativa specifica di cui sotto, unitamente alla privacy policy del sito ATV srl.

PROCEDURA SUCCESSIVA ALLA SEGNALAZIONE
Il Direttore Generale insieme al Responsabile ufficio Legale procederanno ad effettuare gli approfondimenti più opportuni in relazione al fatto segnalato, attraverso idonea istruttoria.
Al termine delle attività verranno individuate le azioni correttive conseguenti ai comportamenti censurabili che potranno essere, a secondo del caso, adeguamento delle procedure di controllo interno, procedimenti disciplinari, informativa alle Autorità competenti e/o ogni altra azione ritenuta opportuna.

CLICK QUI PER COMPILARE IL FORM DI SEGNALAZIONE O SCARICARE IL MODULO

ATV - Azienda Trasporti Verona s.r.l. | Lungadige Galtarossa 5 - 37133 Verona
P.I. 03644010237 | Tel 045 8057811 / Fax 045 8057800 | Email: atv@atv.verona.it | Posta elettronica certificata: protocollo.atv@pec.it
Iscrizione Reg. Imprese VR n° 03644010237 | Capitale sociale € 15.000.000,00 i. v.